mercoledì 17 gennaio 2018

[Collaborazione] Diphylleia il ricordo - Recensione

Buongiorno readers, oggi affronterò un argomento completamente diverso. Non si tratta di un fantasy, non si tratta di un romanzo distopico o thriller. Il libro di cui vi parlerò oggi tratta un tema al quanto delicato ma molto importante. Il libro in questione è stato scritto dall'autrice emergente Valentina Bonci e si intitola "Diphylleia il ricordo".

Titolo: Diphylleia il ricordo
Autrice: Valentina Bonci
Genere: Narrativa femminile contemporanea
Formato: ebook - cartaceo
Pagine: 78
Prezzo: 4,50 - 8,08
Punteggio: 5/5
Link di acquisto: Amazon

“La rabbia aveva prevalso sull'amore, e, a testa bassa e cuore infranto, ad Aiyana non restava che andarsene. E se ne andò. Perché non c'è rabbia più vera e pericolosa di quella degli innamorati che si sentono traditi. Degli innamorati che si sentono innamorati pazzi e si ritrovano morti e a pezzi."

Incredibile come un libro di poche pagine riesca a trasmettere tanto. Valentina con questo libro è riuscita a colpire in pieno uno dei tanti problemi che la nostra epoca sta affrontando, ascoltando storie brutali di persone che non vengono accettate per quello che sono, o meglio per ciò che amano. Si, avete capito bene. Il tema di questo libro è l'omosessualità. Valentina è riuscita a colpire nel segno, in un modo così delicato e dolce.

Questo libro parla di Aiyana, una giovane donna che per tre mesi è rimasta in coma a causa di quello che sua nonna definisce essere stato un incidente. Purtroppo la giovane al suo risveglio non ricorda nulla, colpita da una improvvisa amnesia a causa della botta in testa subita. Eppure, Aiyana sente che le manca qualcosa di importante. O meglio le manca qualcuno. E questo qualcuno è la persona che ama. 

Non voglio dilungarmi troppo con il riassunto di questo libro. Voglio evitare qualsiasi altro tipo di anticipazione proprio perché voglio suscitare la vostra curiosità e spingervi ad acquistare questo libro. E' un libro che si legge in pochissimo tempo, io ci ho impiegato un pomeriggio. L'autrice ha uno stile di scrittura magnifico, delicato ma pieno di significato e di amore. Sono arrivata a un certo punto che stavo per piangere per la protagonista, stavo soffrendo per lei. Incredibile è anche il modo in cui l'autrice descrive un episodio violento come quello della violenza paterna sulla protagonista. Perché sì, quante volte in televisione o sul giornale abbiamo sentito violenze o discriminazioni su persone che dichiarano il loro amore verso lo stesso sesso? 

Sarà pur un racconto breve, ma trasmette tanto.

2 commenti: