lunedì 12 febbraio 2018

[Collaborazione] L'ombra di don Calogero - Recensione

Dopo un lungo periodo di assenza, eccomi di nuovo qui a presentarvi un nuovo libro. Nuovo in tutti i sensi. Si tratta del romanzo d'esordio di Annalisa Pergolizzi autrice de "L'ombra di don Calogero".

Titolo: L'ombra di don Calogero
Autrice: Annalisa Pergolizzi
Genere: Thriller, Paranormal
Formato: Ebook
Pagine: 139
Prezzo: 0,99
Punteggio: 3,5
Link di acquisto: Amazon

Clara è una ragazza che sin dall'adolescenza vive la sua vita sotto l'ombra di don Calogero un potente mafioso siciliano con cui la famiglia aveva stretto dei rapporti economici sfavorevoli . Con il passare del tempo la catena che lega Clara a don Calogero si fa sempre più corta, complici la disagiata situazione economica in cui versa la sua famiglia riuscendo a rendere la vita di Clara un vero inferno tanto da essere letteralmente venduta allo stesso per ripagare i debiti del padre ma lei è decisa a non arrendersi.

Dalle prime pagine si potrebbe dire che la vita della protagonista, Clara, sia una vita perfetta quasi da invidiare: una donna d'affari sicura di sé. Ma quando si possiede un passato tormentato e complicato, questo tornerà sempre a fare visita. Ed è proprio quello che è successo a Clara. Attraverso questo libro sarà possibile rivivere assieme alla protagonista il suo passato per nulla facile e per nulla felice. Sin da piccola si ritrova protagonista non solo dei maltrattamenti verso la madre, ma anche su se stessa: picchiata, violata e completamente esclusa dal resto della famiglia.

Sulla lettura di questo libro voglio essere diretta e senza giri di parole: l'autrice ha voluto mandare un messaggio forte e chiaro cosa che specifica sin dall'inizio con una piccola prefazione parlando di una zona della Sicilia, svelandoci una piccola parte della sua vita. Attraverso il suo libro mette il lettore di fronte a seri problemi: prostituzione, pedofilia, maltrattamento domestico e abusi

Particolare è il modo con cui ne parla: ovvero attrvaerso la sua scrittura. Proprio per la sua scrittura ho avuto molta difficoltà nel proseguire con la lettura. Ci troviamo di fronte ad una scrittura molto diretta tanto da rendere le scene come gli abusi su minori molto crude e difficili da leggere. In pratica è priva di censure. Attraverso questo libro l'autrice non fa altro che denunciare diversi problemi che purtroppo sono reali e che tutt'ora esistono. E questo suo modo di scrivere mette il lettore di fronte a un esame di coscienza, poiché a volte sbattere in faccia la realtà senza troppi giri di parole è il modo giusto di affrontare le cose.

Nonostante questo libro tratta argomenti assai importanti e su cui tutt'ora si lotta il mio punteggio non è pieno in quanto è stato davvero difficile per me la lettura. Le scene di violenza, in particolare nelle prime pagine sono dettagliate e mi hanno fatto una certa impressione. Diciamo che questo libro non è adatto per chi come me si impressiona facilmente.

Nessun commento:

Posta un commento